Cosa fare a Budapest

Budapest, parlamento illuminatoO

Quarta tappa del nostro OTR , subito dopo Bratislava,  è Budapest. Volevo visitare questa città da moltissimi anni, era stata meta di studio insieme all’Ungheria durante la mia quinta elementare quando ancora si facevano le ricerche su foglio protocollo e carta lucida!

RAGGIUNGERE LA CITTÀ IN MACCHINA

Noi abbiamo  raggiunto Budapest  arrivando dalla Repubblica Slovacca. In questo caso se viaggiate con la vostra auto è necessario acquistare la “vignetta “ , un pedaggio autostradale che permette il transito per un numero illimitato di viaggi per il periodo di tempo per cui l’avete acquistata. Si può acquistare al confine o fare direttamente on line.

Attenzione anche alla velocità ed ai parcheggi, la polizia è molto presente.

La città si divide in due parti, Buda e Pest in quanto è attraversata dal fiume Danubio  e si collega attraverso una serie di ponti  , il più famoso dei quali è il ponte delle catene.

COME MUOVERSI

Abbiamo dedicato alla città tre pernottamenti e tre giorni pieni. La scelta del luogo del pernotto , vicino al mercato centrale è stata fondamentale, comodo alla stazione della metropolitana e anche al centro volendo muoversi a piedi. Anche i bambini sono ottimi camminatori quindi  non abbiamo fatto abbonamenti particolari ai mezzi pubblici se non, il giorno che sapevamo di fare un giro più ampio, una tessera giornaliera.

Tutte le informazioni sui trasporti pubblici  le trovate qui. La rete è ben collegata, oltre alla metropolitana ci si può spostare con i tram.

COSA NON PERDERE E COSA FARE A BUDAPEST

La città  si presta ai gusti dei molteplici visitatori,  è ricca di storia e di cultura  ma offre divertimento e relax. È una meta adatta a single, coppie e famiglie.

Nessun elenco sarebbe esaustivo ma vi indico cosa non si può perdere di questa città durante una breve permanenza.

Parlamento

Il suo splendore è unico, sia all’esterno che all’interno, in un articolo a parte tutte le informazioni per organizzare  la vostra visita;

Grande Sinagoga

la  grande Sinagoga,  in grado di ospitare fino a 3000 persone è la più grande d’Europa, seconda al mondo dopo quella di New York.

Damneggiata durante la seconda guerra mondiale e nel periodo di occupazione nazista ha ripreso a splendere nel 1996 dopo cinque anni di lavori e restauri.

E’ visitabile previo pagamento di un biglietto ed è compresa una visita guidata , ad orari indicati all’ingresso è possibile scegliere la lingua di preferenza. Disponibile anche l’italiano.

Nel giardino adiacente il cimitero è presente una bellissima scultura raffigurante un salice piangente in memoria dell’olocausto e delle vittime innocenti.

Basilica di Santo Stefano

Situata nella parte di Pest è la terza chiesa più grande del paese. Realizzata in stile neoclassico  è visitabile ed è consentito, previo pagamento di un biglietto di ingresso, la salita alle cupole. Tutte le informazioni qui

Mercato centrale

 

Assolutamente  da visitare come tutti i mercati delle grandi città; il mercato coperto si sviluppa su tre piani, il seminterrato dedicato a macelleria/prodotti alimentari freschi; piano terra con bancarelle che propongono cibo pronto al consumo, prodotti alimentari confezionati come spezie, etc. Il primo dedito all’oggettistica  e ai souvenir. Ottimo posto per acquistare qualche regalino.

Monumento agli ebrei- (scarpe sul fiume)

lungo la sponda di  Pest si affacciano sul Danubio delle scarpe in bronzo che ricordano le esecuzioni naziste. Un luogo molto triste e significativo.

Chiesa di S. Mattia e i bastioni dei pescatori

Dedicata alla Madonna questa chiesa è comunemente conosciuta con il nome di S.Mattia. Mattia è stato il re ungherese che l’ha fatta ricostruire. Adiacente alla chiesa si trovano gli splendidi bastioni con le sette torri come le tribù magiare che si stabilirono li.

Ottimo punto panoramico sulla città.

Isola Margherita

luogo perfetto per passare del tempo in relax e divertirsi, è una tappa imperdibile per chi viaggia con i bambini.

Terme

la città è molto famosa per le terme, esperienza da provare senza dubbio. Ci sono le terme storiche e anche edifici più nuovi . Informazioni e consigli in un nuovo articolo.

Crociera sul Danubio

da non perdere, la consiglio soprattutto la sera, con la vista sui monumenti della città illuminati. Spesso accompagnata da audio guida multilingue. Ci sono diverse proposte che prevedono anche la cena, attenzione se viaggiate con bambini perché offrono il viaggio gratuito ma non prevedono il consumo del pasto. Informarsi per bene con la compagnia.

Statua della Liberazione

Dopo una bella passeggiata si raggiunge questa statua che raffigura una dama che porta in mano una foglia di palma simbolo della vittoria. Questo monumento fu eretto dopo la liberazione nazista.

Rombusz

Locali/ristoranti/bar all’aperto solitamente allestiti in cortili. Si trova street food e bevande in un ambiente informale. Noi avevamo il nostro preferito con tanto di tappeto elastico!

Ora che sapete cosa fare a Budapest non vi resta  che acquistare un biglietto e programmare il viaggio. Nel frattempo iscrivetevi al blog per rimanere avvisati sulle nuove pubblicazioni con i dettagli per visitare il parlamento, divertirsi e rilassarsi alle terme e, non ultimo,  su cosa fare a Budapest con i bambini!


3 thoughts on “Cosa fare a Budapest

  1. Simona Rispondi

    Sono stata a Budapest qualche anno fa e ho dei bellissimi ricordi nonostante il gelo e il freddo! Meno 17 gradi, una temperatura che non dimenticherò mai! Ho visto tutti i luoghi della lista e ricordo benissimo quanto mi divertii nel salire con la funivia verso la parte alte per andare a vedere il Bastione dei Pescatori. Sia di giorno che di sera è una città davvero magica a mio avviso!

  2. Elena Rispondi

    Io, invece, a Budapest non ci sono mai stata, ma ne ho letto parecchio, su vari blog. E si fa strada l’idea di andarci, tra un po’… Mi chiedo perchè non abbia organizzato per questo Capodanno… In particolare, mi colpisce tantissimo il monumento agli ebrei con le scarpe lungo il fiume… Visto di persona, dev’essere così toccante…

  3. Lucy Rispondi

    Sono stata a Budapest troppo tempo fa, mi hai ricordato che ci dovrei tornare! L’Isola Margherita poi… D’estate pare ci siano dei festival da paura! Ps: le ricerche su foglio protocollo e cartine lucide… È normale avere nostalgia?!? 😅

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.