Modica, visitare la città del cioccolato e del barocco siciliano

Modica, barocco siciliano
Modica, barocco siciliano

Durante il nostro viaggio itinerante  alla scoperta della Sicilia abbiamo scelto di fare tappa anche a Modica, la città famosa in tutto il mondo per il suo cioccolato.

Non è solo questo che rende Modica famosa in quanto è conosciuta anche per il barocco siciliano di cui è una tappa imperdibile.

Il barocco siciliano si è sviluppato ed ha raggiunto il suo massimo  splendore dopo il devastante terremoto del 1693 in seguito alla ricostruzione degli edifici, chiese  e palazzi. È nato un vero splendore per gli occhi del turista e dell’appassionato di arte.

Dopo aver parcheggiato l’auto abbiamo raggiunto il corso principale, corso Umberto I , dove ferma il trenino barocco, che avevamo già avuto occasione di prendere a Ragusa Ibla.  Questo ve lo preciso perché conservando il biglietto avrete diritto ad un euro di sconto.

Il biglietto è a pagamento per gli adulti e per i bambini sopra i cinque anni ad un prezzo unico di cinque euro.

Il trenino segue un percorso  della durata di circa 40/45 minuti portando alla scoperta i passeggeri dei principali edifici e monumenti di interesse.

Il trenino si sofferma alcuni istanti per permettere di fotografare ma non è consentita la discesa o meglio chi vuole può scendere e proseguire a piedi ma non ha diritto a risalire al passaggio del successivo. Non è il classico tour hop on/ hop off. Lo preciso perché ho visto alcuni turisti un po’ perplessi e sgomenti  ma forse hanno confuso la tipologia di tour!

L’esperienza con il trenino è stata interessante e consigliabile con il caldo ma credo sia adatta anche  con il freddo, con i bambini e con chi fatica a camminare o è un po’ pigro. Suggerisco questo poiché anche per noi è stato piacevole avere una visione generale della città senza percorrerla interamente a piedi; abbiamo così selezionato  e raggiunto a piedi solo una parte della città.

Modica, cioccolateria Bonajuto
Modica, cioccolateria Bonajuto

Dopo il tour in treno  la nostra tappa è stata l’Antica  Dolceria Bonajuto dove avevamo prenotato telefonicamente alcuni giorni prima una piccola visita guidata comprensiva di degustazione finale. Il prezzo veramente irrisorio per il servizio offerto è di  3 euro a persona.  I bambini sono sempre paganti dopo i cinque anni.

La famiglia Bonajuto  tramanda la tradizione dal 1880 data in cui ha cominciato a produrre cioccolato.

Modica, cioccolateria Bonajuto
Modica, cioccolateria Bonajuto. Fase di lavorazione del cioccolato

Una gentilissima signora ci ha inizialmente fornito diverse spiegazioni sul cioccolato e su come nasce, in seguito abbiamo visto i pasticceri all’opera nella formazione della tavoletta ed infine degustato diversi prodotti oltre alle varie tipologie di cioccolato disponibili per l’assaggio a tutti  i clienti del negozio. Qui trovate le informazioni per contattarli e prenotare.

Il cioccolato di Modica è particolare, non è morbido, non è liscio e non è cremoso.

Nel compenso è unico, si avvicina molto di più al gusto originale del frutto del cacao. Il cioccolato di Modica è grezzo, più granuloso e si avvertono i cristalli dello zucchero.

Noi lo abbiamo assaggiato in diverse versioni, aromatizzato e con aggiunta di scorze di frutta.

Ad ottobre gli è stato finalmente riconosciuto il marchio Igp , è il primo cioccolato in Italia ad aver ricevuto il marchio. Un vanto per l’intero paese.

Duomo di Modica, Sicilia

Da qui abbiamo proseguito il percorso per raggiungere il Duomo  di San Giorgio a piedi percorrendo una lunga scalinata, è splendido. Questa chiesa è annoverata tra il patrimonio Unesco italiano.

Scicli, perla del Barocco siciliano
Scicli, perla del Barocco siciliano

Dopo Modica abbiamo visitato Scicli, un’altra perla del barocco siciliano. Anche qui c’è il trenino barocco. Siamo capitati per l’ora di pranzo e la città era quasi deserta. Anche noi abbiamo pranzato lì e passeggiato alla scoperta dei vari edifici. Purtroppo alcuni luoghi avrebbero aperto diverse ore dopo ma siamo riusciti ugualmente a farci un’idea del borgo.

In un tour della Sicilia sono tappe imperdibil, sia per la cultura ed il patrimonio artistico che per l’assaggio del cioccolato di Modica.

Capre girgentane: turismo e slow food

3469CBDC-E616-4220-9C47-4F24B5A1EDAB

Conoscete le capre girgentane ? Ultimamente se ne è sentito parlare più spesso per via del fatto che è un animale in via di estinzione, una razza autoctona e i prodotti ottenuti con il suo latte sono presidio slow food.

more “Capre girgentane: turismo e slow food”

La Sicilia orientale: itinerario e consigli

  1. 32C7D837-21D2-4051-BA7F-CBA4CE43FD45

Il nostro viaggio si è concentrato maggiormente nella parte della Sicilia orientale ma abbiamo fatto una puntatina ad Agrigento di un paio di notti per visitare la Valle dei Templi e i dintorni. Non è mancato qualche giorno alle Isole Eolie. more “La Sicilia orientale: itinerario e consigli”

Visitare e dormire sull’Etna con bambini

0FABDF66-C83D-4569-8F50-09FD1D054269

Non posso che annoverarla tra le esperienze più belle che ho vissuto e che ricomprendono le visite e le salite ai vulcani fatte fino ad ora, Santorini ed il Vesuvio.

Abbiamo scelto di visitare il versante Etna sud per raggiungere i crateri sommitali. L’Etna è il vulcano attivo più grande in Europa. more “Visitare e dormire sull’Etna con bambini”