Viaggiare con bambini: gestire i compiti in viaggio

Libro delle vacanze

Oggi torno con la mia rubrica dedicata  ai bambini ed al viaggiare con loro.  Vorrei  affrontare con voi un argomento che dallo scorso anno mi ha toccato personalmente in più occasioni: i compiti scolastici in viaggio. Capita si vada via nel weekend o anche durante le vacanze che siano pasquali o natalizie ma i bimbi hanno i compiti da svolgere. Come organizzarsi? more “Viaggiare con bambini: gestire i compiti in viaggio”

Viaggiare low cost, l’offerta decide il viaggio!

DCA7C5ED-4CD8-47B3-B603-A8BC12885308

Ritorno con la rubrica “viaggiare low cost” per parlarvi di questa esperienza diretta.

Ho dovuto aggiungere una settimana di ferie a lavoro (erano semplicemente ferie arretrate da smaltire tassativamente in estate ma che non potevano aggiungersi alle altre già programmate) ed ecco che mi trovo una settimana a casa in più con i bambini, niente centro estivo quindi per quelle date e ho pensato di guardar subito in giro se c’era qualche offerta interessante. Avevo giusto Alcuni punti fissi:

-mare pulito

-low cost

– viaggio non lunghissimo se in auto ma meglio in aereo

Parlando con un amico molto appassionato di viaggi come me mi segnala subito offerte strepitose per Malta e per l’Istria.

Io non avevo visto nessuna delle due ma considerando che in viaggio con noi ci sarà la nonna, appena rientrata da Malta, optiamo per un volo a/r da Milano Malpensa a Pula. Il tutto per la modica cifra di 20€ andata e ritorno a persona! Periodo di viaggio, luglio.

Dopo il volo abbiamo valutato dove dormire, la soluzione più conveniente è stata la scelta di un appartamento.

Abbiamo comunque deciso di prendere a noleggio un’automobile per essere più indipendenti ed anche comodi.

A conti fatti sulla carta stimando autostrada/carburante l’opzione volo+auto è stata maggiormente conveniente anche se non è una meta lontana da Milano. Oltretutto per me ha rivestito un aspetto  Importante non dover fare un viaggio lungo in auto con i bambini dovendo guidare considerando anche l’età della mia macchinina.

L’offerta sceglie il viaggio se la vacanza vuole essere un low cost!

Quindi:

1) stabilire un budget

2) prepararsi una lista con le caratteristiche del luogo che si vuol visitare e/o la tipologia del viaggio (mare/montagna/città)

3) monitorare l’offerta e senza pensarci troppo prenotare prima che il prezzo aumenti 😉

Viaggiare low cost, quale alloggio scegliere

Eccomi con la seconda puntata della rubrica viaggiare low cost. Oggi parliamo di come scegliere l’alloggio più adatto.

Anche in questo caso comincio con una premessa e sottolineo che è importante considerare quante persone viaggiano insieme e le abitudini ed attitudini personali di ciascuno. Per low cost dobbiamo intendere un prezzo basso ma con i servizi che per noi sono necessari.

Camping in the forest with tent

Sono dell’idea che uno non debba andare in campeggio se non ama la vita all’aria aperta in mezzo alla natura , i bagni in condivisione etc..
Lo stesso si può dire per ostelli della gioventù in camerate  condivise con servizi igienici in comune… ricordiamoci che la vacanza non è un obbligo e non deve diventare un incubo 😉
Chi non vuole prendere in mano scopa e paletta non vada ad esempio in casa ! Un’alternativa sono gli aparthotel.
Appartamenti: Personalmente negli anni, e soprattutto da quando siamo raddoppiati , ho rivalutato molto gli appartamenti e mi sono trovata molto bene sia con il sito di Airbnb che con booking dove tutte le spese sono ben chiare ed indicate, non c’è la sorpresa del costo extra per la pulizia finale, un tot per la biancheria che spesso si paga a peso d’oro e quasi conviene di più comprarsela sul posto di una destinazione piuttosto che noleggiarla! mi sento di aprire una parentesi perché questi aspetti purtroppo li sto constatando soprattutto qua in Italia che dal mio punto di vista e non in tutti i luoghi  si è ancora ben uniformata con questo nuovo modo di viaggiare con affitti brevi per turismo. Perciò un consiglio in merito quando non avete un intermediario di mezzo fatevi mettere tutto per iscritto. 

Breakfast icon flat

B&b / guesthouse: Oltre agli appartamenti che comunque sono un’ottima soluzione se cerchiamo un’alternativa con una stanza e la colazione possiamo scegliere invece degli alberghi  b&b e Guesthouse   che sono delle piccole realtà familiari dove viene affittata la stanza con servizi igienici privati o senza  e generalmente servita una buona colazione compresa nel prezzo.

Ostelli: ad oggi ce ne sono tanti anche per famiglie dove ci sono stanze triple/quadruple con servizi privati. Costano un po’ meno degli alberghi e puntano su servizi comuni e competitivi come colazione/pasti a prezzi convenienti. All’arrivo ti danno il tuo pacchetto biancheria e ti prepari il letto.

20068-NSINHM

Alberghi/resort all inclusive convengono con bimbi piccoli perché generalmente sotto i due anni non pagano nulla. Ognuno ha la sua politica quindi è sempre meglio verificare le condizioni di prenotazione ( letto e pasti sono compresi)? Sembra una battuta ma non lo è, se chiedi un lettino capita che venga chiesto un extra giornaliero per esempio..

Voi quale alloggio preferite?

5 cose da mettere in valigia

95735-OKAOI6-308
Immagine web

Ho deciso di partecipare anch’io a questo simpatico gioco che gira tra  i vari travel blogger. Ringrazio Raffaella di  Raf around the world  per avermi nominato.Cosa mettere in valigia? Cinque cose a cui non rinunciare…
Comincio con i raccontarvi che negli anni le mie valigie hanno subito una grandissima evoluzione… Sono passata da:

  • valigie rigide, una solo con i vestiti e l’altra dedicata alle scarpe ed accessori ( va bhe ero una ragazzina e andavo anche nei villaggi con i miei genitori) 😅 .. già mi giustifico 😂😂
  •  zaino in spalla con cui ho deciso di fare un viaggio di nozze itinerante tra il Messico e ti Guatemala  (bello ma poi non l’ho più usato 😬😬)
  • Mini trolley per gli weekend a basso costo ..
  • ora un bagaglio imbarcato in quattro persone, due adulti e due bambini. (Anche uno/due trolley quando riusciamo come bagaglio a mano 😂)

Non  mi dilungo oltre 😂😂 ed incomincio con il mio elenco:

1) la moka!  ultimamente se imbarco la valigia ci infilo una piccola macchinetta da caffè  per quando siamo in appartamento, scelta che ormai preferisco anche per viaggi molto brevi. Il caffè però non lo porto mai (stupidamente 😬) non è poi detto che lo possa trovare ovunque ma finora me la sono sempre rischiata  😉

2) La macchina fotografica con varie schede e tutti gli accessori perché anche se il cellulare ormai cerca di sostituirla per me è comunque immancabile avere la reflex con i vari obiettivi e cavalletto. Non sono il tipo che riesce a scattare solo qualche foto anzi ne scatto anche troppe minando tante volte la pazienza dei miei compagni di viaggio…😂😂

3) quando la destinazione è un luogo caldo non lascio mai a casa un sandalo con il tacco  o un’infradidito un po’ più elegante ( dipende dallo spazio che ho 😂) perché se 20 anni fa partivo con una valigia per le scarpe la mia passione si è ridimensionata ma non è del tutto scomparsa. Insieme alla scarpa cerco sempre di infilarci anche un tubino nero  rigorosamente in tessuto elastico che non si stropiccia o necessità di stiro che può sempre far comodo per un’uscita a cena un po’ meno da viaggiatrice on the road! Vestiti e scarpe ce ne stanno ormai veramente pochi in valigia!

4) Mi allaccio al punto precedente perché se vestiti ce ne stanno pochi ho la necessità di lavarli in viaggio quindi infilo nella borsa qualche tabs per lavatrice due in uno e gli immancabili foglietti acchiappacolore. La lavatrice è pressoché ovunque e quasi sempre presente soprattutto negli appartamenti all’estero! Al massimo ci sono sempre le lavanderie a gettoni dove puoi trovare il detersivo  ma non i fogli acchiappacolore. Questo fa un po’ casalinga disperata ma vi assicuro che siamo riusciti a stare quattro giorni in quattro  persone a Londra in un periodo abbastanza freddo con un solo bagaglio che conteneva addirittura mantelle e ombrellini!

5) Ultimo. Ma direi essenziale qualche libro con sticker e adesivi e una mini scatoletta di pastelli per i bimbi. Ci salvano in tantissime occasioni: in aeroporto, in volo, al ristorante ed in tutte quelle situazioni dove possono annoiarsi .

Veramente la mia lista sarebbe stata diversa se l’avessi fatta solo qualche anno fa quando i bimbi non erano ancora nati ma la valigia secondo me è una continua evoluzione un po’ come la persona ed il viaggio perché non tutte le destinazioni, non tutti luoghi, e non tutti gli stati d’animo ci fanno partire con le medesime cose . Un classico esempio è il libro che portiamo da leggere durante il viaggio: a volte è un romanzo,  a volte è un libro che racconta qualcosa in più sul posto o magari una storia vissuta lì .. altre volte solo una rivista acquistata un attimo prima della partenza.

Spero vi siate fatte quattro risate! Cosa non deve mancare nella vostra valigia?

Invito a partecipare a questo gioco le seguenti Blogger:

Viaggiare on the road con bambini

130921-ORWFCM-579
Disegnato da Freepik” target=”_blank” rel=”noopener”>Immagine web

Oggi voglio trattare un argomento a me caro, il viaggio itinerante in auto. Quel tipo di viaggio che ci permette di visitare un paese facendo varie soste, più tappe, diversi alloggi e una parte di viaggio in macchina. è un viaggio fattibile? Si/no/ forse/ perché?
La mia risposta è sì, con un po’ di organizzazione è più che fattibile, sia che i bimbi siano ancora in età da sonnellino sia che siano più grandicelli come i miei. Il primo viaggio itinerante l’abbiamo fatto ai loro 3 e 5 anni nel 2016 partendo direttamente da Milano in direzione Slovenia. Trattandosi di una prova abbiamo scelto di fare poche tappe e di cambiare solamente due alloggi per dare più stabilità al piccolo. more “Viaggiare on the road con bambini”