ITALIA PIEMONTE VIAGGI VIAGGIARE CON BAMBINI

Natale in Piemonte

Natale in Piemonte. Forse non è la prima destinazione a cui si pensa per un weekend fuori porta in occasione del periodo dell’avvento ma vi posso garantire che una volta scoperta si rivela la destinazione perfetta.

La scelta di passare alcuni giorni nei pressi della Valle Antigorio  è venuta da sé dopo aver scoperto l’evento dei presepi sull’acqua del Comune di Crodo e limitrofi.

Presepi sull’acqua

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fino al 6 gennaio sono presenti sul territorio diversi istallazione di presepi visitabili 24 ore su 24 allestiti sull’acqua. Questa è la sesta edizione.

Per quest’anno le installazioni sono un totale di 53, alcune delle quali dislocate tra loro a brevissima distanza  ben percorribile a piedi ed altre da scoprire spostandosi da una località all’altra con la propria auto oppure con il comodo servizio navetta.

Le informazioni sono  disponibili al punto informativo di Crodo. 

Sia sul sito Internet dedicato che in diversi presepi si trova la mappa con l’elenco ma vi assicuro è sufficiente percorrere la strada che da Domodossola porta a Crodo per incontrare i cartelli con le varie frecce ed il numero del presepe. 

Per noi era diventato persino un gioco quello di avvistare i cartelli, scendere dall’auto, raggiungere il presepe e spuntarlo sulla mappa! I bimbi si sono divertiti un sacco; i presepi sono tra loro  molto diversi : noi ne abbiamo visti circa una ventina, abbiamo trovato tecnologia e cellulari, animali del Polo, arte, presepi classici..

Una bellissima passeggiata tra le montagne. La giornata era limpida e meravigliosa, clima freddo con temperature intorno allo zero ma eravamo tutti ben coperti, sottopantaloni e leggins, maglietta termica. Nessuno ha sofferto il freddo.

Domodossola e i mercatini

Oltre ai presepi abbiamo colto l’occasione di visitare la città di Domodossola, un vero gioiellino.  Per di più nel week end del 15/16 erano allestiti dei mercatini che proponevano per lo più prodotti tipici alimentari. Bracieri di castagne in piazza e zampognari che suonavano per la città. 

Cucina tipica

Per le nostre due serate in zona non ci siamo fatti mancare la cucina tipica con le specialità ossolane come risotto al ribes con fonduta di Prunet, gnocchi ossolani, ravioli di carne, salumi e formaggi locali.

Questi ultimi, insieme ai prodotti tipici da forno, sono tornati anche a casa con noi. Segnalo a Crodo sia l’antico  forno che la latteria, praticamente adiacenti e fulcro di un notevole via vai di pedoni ed automobili; ne avevo letto prima di partire e non posso che confermare la qualità.

Dormire

Abbiamo soggiornato in un piccolo paese, Masera, nel grazioso B&b  Casa Toma’ che offre anche dei pratici appartamenti adatti per più persone, anche con questa soluzione si può avere la colazione. Ve ne parlo meglio qui.

Terme di Premia

L’ultima mattina ci siamo svegliati con un sottile strato di neve e non c’era nulla di meglio che passare la giornata in relax alle Terme di Premia un complesso sia per famiglie che per coppie avendo un’offerta molto ampia di servizi. Ve ne parlo qui.

Che dire?! Siamo rimasti entusiasti della zona, dei panorami e dei servizi offerti. Il Piemonte si nostri occhi si sta rivelando sempre più magico. Ci torneremo!

Se non volete perdere i prossimi articoli iscrivetevi al sito per ricevere una mail alle nuove pubblicazioni.

8 thoughts on “Natale in Piemonte

  1. Pensa che sono piemontese e vivo in provincia di Cuneo, ma non conoscevo affatto le tradizioni natalizie di questa zona! Mi segno sicuramente le terme di Premia perché a gennaio ho in mente un weekend termale e questa mi sembra un’ottima meta!

  2. peccato che il piemonte è un pò lontano da Roma, sarei venuta davvero molto volentieri a vedere almeno i presepi sull’acqua. e poi un gior alle terme non me l’avrebbe levato nessuno! 🙂

  3. Non conosco molto il Piemonte, pur avendolo abbastanza vicino a casa.
    Che belle decorazioni natalizie, vale la pena farci un giro… e anche per assaggiare le specialità della zona! 😉

  4. Il Piemonte è una meta tutta da scoprire. Pur avendoci vissuto per molti anni, ad esempio, ci sono ancora tantissime parti che devo scoprire a dovere! Il presepe sull’acqua, ad esempio 😉
    Magari l’anno prossimo posso farci un pensierino 🙂

  5. Di tutto ciò che hai scritto mi è rimasta impressa soprattutto una cosa: il risotto al ribes e fonduta. Aiuto!! Comunque zone mai viste… Del Piemonte conosco Torino e basta ma non vedo l’ora di spingermi oltre

    1. Ti garantisco che, pur non amando i formaggi in genere, è rimasto decisamente ben impresso anche a me! Ci vorrei tornare in estate e scoprire i nuovi piatti

  6. Sicuramente un weekend anomalo perché certo non è una destinazione che salta subito in mente ma che credo ci abbia ripagato alla grande, le terme in inverno e con la bevo dono un sogno

  7. Confesso che non conosco per nulla il Piemonte nonostante dall’Emilia Romagna alla fine mica dista cosi tanto. Mi segno i posti che hai menzionato per approfondire un giorno questa mancanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: