Isole Keys, Florida

90A9BE5D-6881-4B26-A94D-DB0676ABC372

Termina qui il viaggio in Florida che ha toccato Miami e le Everglades, viaggio fatto in coppia nell’agosto 2010.  Di seguito il diario con un po’ di link utili per organizzare qualche visita ed escursione. Partite insieme a me attraverso questi ricordi! Per noi è stato anche l’ultimo viaggio come coppia prima di diventare genitori.

“ 10 agosto – Key West

Dopo una colazione davvero abbondante, con anche i pancakes e le waffle da scaldare, partiamo per la nostra destinazione finale: Key West, l’ultima delle isole Keys collegate alla terraferma da un ponte.

Oggi non abbiamo problemi con la strada,  è semplicissima! Seguiamo la US1 direzione sud fino alla fine, miglio 00.

A sprazzi c’è il sole e a sprazzi la pioggia! Questo tempo ha proprio stufato! Ci fermiamo in varie isole, carinissimaa la piccola Key Duck, e raggiungiamo Key west che ci accoglie con un  po’ di sole. Il nostro b&b si trova in Duval street, la strada principale, verso il punto più a sud dell’isola. È davvero grazioso e anche la stanza è accogliente.

Scarichiamo i bagagli, un piccolo giro in macchina per l’isola e poi ci dirigiamo in aeroporto dove dobbiamo riconsegnare l’auto a noleggio. Non so come ma riusciamo a uscire dall’isola, l’aeroporto comincia a sembrarci un po’ troppo lontano e così ci fermiamo a chiedere informazioni. Confermato che abbiamo superato ben due isole! Torniamo indietro ed eccoci al piccolo aeroporto.

Consegniamo a malincuore l’auto e già che siamo lì riconfermiamo i voli. Ora diluvia, chiediamo al personale della continental se l’aereo nel caso di condizioni meteo similari a quelle odierne possa avere problemi a decollare ( è un aereo piccolo, 19 posti) ma a quanto pare visto che c’è visibilità il tempo è da considerarsi bello!

Con un taxi tutto rosa, torniamo al b&b e ci fermiamo un po’ in veranda nell’attesa che smetta di piovere. Quando finalmente smette usciamo e la prima tappa è un negozio che vende ombrelli! Da quel momento non ci servirà più… a saperlo li avremmo comprati prima!!! Ma va bene lo stesso 😊

2FA570E6-E5C9-4601-BED2-2B2A81084AF0

Percorriamo tutta Duval Street fino a Mallory square facendo tappa in qualche negozio, ce ne sono davvero di curiosi: una gelateria che vende solo le Key lime pie, un negozio di monili maya, biscottifici  specializzati nella preparazioni di cookie giganti (15 cm di diametro) e tanti altri.

EC545469-DE62-4C1F-9B97-AEDAD50F17D1

Per cena mettiamo in ballottaggio un ristorante cubano ed uno messicano, scegliVincenzo ed opta per il messicano! La cena è ottima ed abbondane.

Passeggiamo ancora un po’ prima di rientrare al b&b.

11 agosto – Key West

Dalle veneziane della nostra stanza filtrano raggi di sole, è una bellissima giornata. Dopo colazione chiediamo qualche informazione sulle spiagge migliori, molte sono ad uso esclusivo di residence ed hotel che si affacciano sul mare.

A circa quindici minuti a piedi possiamo raggiungere Fort Zachary Taylor, un parco marino statale area protetta. Per  5$ in due  (nel 2010) essendo a piedi possiamo entrare. La zona è graziosa, oltre alla spiaggia sabbiosa c’è una pineta ed un bar/caffè. C’è una buona organizzazione, ci sono toilette e docce gratuite. Assaggiamo dei buonissimi smoothie e passiamo una bella giornata di relax.

SITO UFFICIALE DEL PARCO,  il costo di ingresso è rimasto invariato-

Verso le 15 cominciamo ad essere cotti dal sole e ci incamminiamo verso l’uscita sperando di incontrare un taxi… Le mie preghiere sono state ascoltate.. ci sbracciamo per fermare un taxi in arrivo che dopo aver lasciato i turisti ci carica. Poco più avanti raccogliamo un altro turista che per coincidenza alloggia proprio al nostro b&b.  

Ci aspetta un rinfrescante the freddo al lampone in veranda. È davvero accogliente questo b&b. Lasciamo gli asciugami da spiaggia  e raggiungiamo il Southernest point, la pietra colorata che indica il punto più a sud degli Stati Uniti continentali. Novanta miglia sud si trova Cuba.

293ED4C0-6293-470B-9134-E2753AB0F5E2

Mi stupisce in positivo la fila ordinata di persone in attesa di scattare una fotografia, se fosse così ovunque sarebbe fantastico.

Proseguiamo per visitare la casa di Hemingwey, hanno brochure in lingua italiana ma partecipiamo ad una visita guidata in linguainglese. Nella casa ci sono circa 60 gatti, i discendenti degli animali domestici della famiglia.

La casa museo è aperta 365 giorni l’anno. Costo dei biglietti in cui è compresa la visita guidata (prezzi 2018):

Adult Child (5 and under)
$14.00 $6.00 (6-12 yrs) Free

 

9ED0682E-9904-4624-9004-0A1A94924D90

Questa sera ci dirigeremo a Mallory Square per osservare il tramonto, un must di Key West. Per raggiungere la piazza affollatissima di persone prendiamo un pedicab, una carrozzella agganciata ad una  bicicletta; ci spiega il ragazzo che la guida che spesso vengono dall’estero per la stagione turistica così da potersi pagare gli studi una volta rientrati nel loro paese.

5D073F67-5FC1-4545-8482-1BB6A74D20D5

Facciamo qualche acquisto nel mercatino coperto  prima di assistere allo spettacolo del tramonto sul mare. Ceniamo al ristorante cubano visto ieri dove siamo un po’ sfortunati.. prima la cameriera mi porta il pollo anziché i gamberi  ordinati poi rovescia il ghiaccio nel piatto di Vincenzo. Il dessert decidiamo di evitarlo! 🤣

12 agosto – Key West

Ultima giornata delle nostre vacanze: anche oggi c’è il sole e decidiamo di fare una gita con la barca dal fondo di vetro. La prenotiamo per il primo pomeriggio mentre in mattinata noleggiamo le biciclette proprio di fronte al b&b.  Appena saliamo sulla bici noto qualcosa di diverso.. ok il manubrio molto più curvo ma.. mancano i freni!!! Ci facciamo dare qualche delucidazione ed ecco svelato il mistero.. è sufficiente pedalare all’indietro e la bici frena! Inchioda per l’esattezza! Dopo poco abbiamo preso la mano e con gli asciugamani nei cestini andiamo in spiaggia, questa volta scegliamo, sempre su consiglio del b&b, Smathers Beach, una bella spiaggia con le palme e attrezzata per i turisti. ( immagine iniziale)

Verso le 12:30 ripartiamo facendo sosta al b&b  per toglierci un po’ di sabbia di dosso prima di raggiungere il molo di imbarco della barca.  Ritiriamo i ticket e tempo di mangiarci un gelato partiamo.

0D04181B-1858-4242-A16D-B0B07DE124FA

Abbiamo la fortuna di vedere i delfini ma purtroppo non riesco a fotografarli, una volta raggiunta la zona di barriera la barca rallenta e dal fondo ammiriamo alcuni pesci colorati, delle meduse ed anche una tartaruga. L’acqua non è purtroppo limpidissima per via del brutto tempo dei giorni scorsi. La gita è ad ogni modo bella e piacevole.

Restituiamo le biciclette prima che il noleggio chiuda, ci rilassiamo nella piscinetta del b&b e facciamo gli ultimi acquisti, assaggiamo la famosa e buonissima key lime pie e dopo cena prepariamo i bagagli; domani imbarcheremo anche il borsone che ci ha fatto da bagaglio a mano durante le varie tratte aeree e che sarebbe stato la nostra salvezza in caso di smarrimento bagaglio.

91BB0F49-F358-4D89-B8FA-BCEE3F2A508C

13 agosto  – Key West

Dopo una fugace colazione arriva il taxi che ci porta in aeroporto.

A08B3A95-9347-4763-8C06-94BAC4CD8518

Da qui comincerà il nostro viaggio per rientrare a Milano l’indomani. Passiamo per l’aeroporto di Fort Lauderale dove riusciamo a farci imbarcare sul volo prima per Newark dove avremmo avuto un’ora scarsa tra le due coincidenze. Sosta di alcune ore in aeroporto dove spendiamo gli ultimi dollari e assaporiamo per l’ultima volta i muffin americani.

Dopo un lungo e turbolento volo rientriamo in Italia, entrambe le valigie ci sono.  

Il tempo non sempre bello ed il furto a Miami non ci hanno forse fatto apprezzare appieno la città; le isole Keys sono delle tranquille isolette molto caratteristiche e siamo contenti di aver speso qui gli ultimi giorni del nostro viaggio.”  

Update 2018: magari torneremo in Florida per portare i bimbi a Disneyworld visto quanto si erano divertiti a Dysneyland Paris 😄


17 thoughts on “Isole Keys, Florida

  1. occhioalloscatto.com Rispondi

    Wow! Ma quei cookies sono così buoni come sembrano? ci è venuta l’acquolina in bocca 😀

    1. Zucchero Farina in viaggio Rispondi

      Me li ricordo ancora! Buoni e soprattutto con tantissimi gusti tra cui scegliere tra cui anche frutta secca

  2. Claudia Rispondi

    Che voglia di andare alle keys! Sono il mio sogno

    1. Zucchero Farina in viaggio Rispondi

      A me sono piaciute tanto, amo queste località tranquille dove non manca nulla che rimangono incorniciate nella natura

  3. Federica Rispondi

    Con la foto dei Cookies mi hai rapita..
    Ho già fame!
    Non ho ancora avuto occasione di vedere questi posti dal vivo, ma sembrano davvero stupendi!

  4. Elisa Rispondi

    Ecco le isole Keys mi ispirano moltissimo.. anche più di Orlando e Miami! Confermi?

  5. Francesca | Chicks and Trips Rispondi

    Sai quei posti che sembrano esistere solo nei telefilm? Ecco le isole Keys sono quello per me! Un posto da sogno <3

  6. Silvia Novelli Rispondi

    Key West è un posto unico, ricordo il grande senso di libertà che mi trasmise!

  7. Giulia M. Rispondi

    Che viaggio è stato! Se visiterò la Flordia non le Keys di certo non me le perderò, esercitano un fascino tutto loro!

  8. Giulia Rispondi

    Che bel viaggio! Finora non avevo mai considerato tanto la Florida ma mi sto ricredendo.

    1. Zucchero Farina in viaggio Rispondi

      Credo dipenda molto da cosa vuoi visitare. Noi l’abbiamo inglobata n un tour più ampio che ha toccato altri stati. Forse solo per quella non so se avrei organizzato un viaggio senza abbinarla ad altri luoghi

  9. iltuopostonelmondo Rispondi

    Ma quei cookies sono tanto buoni quanto grandi? A me sembra proprio di si *-*

    1. Zucchero Farina in viaggio Rispondi

      Assolutamente si. Se guardi nella foto si intravede la mia mano sotto 😵

  10. valekappa90 Rispondi

    Un viaggio davvero interessante! Mi hai fatto scoprire un posticino che ancora non conoscevo, e ne sono molto felice! 🙂

    1. Zucchero Farina in viaggio Rispondi

      Mi fa piacere 😊

  11. Marina ilgustoinviaggio Rispondi

    Leggendoti finalmente ho scoperto dove si trova la pietra colorata più fotografata della Florida

    1. Zucchero Farina in viaggio Rispondi

      Mi fa piacere!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.