Le isole Tremiti in giornata

DF61CA74-97A0-4696-9B27-08FF5F5E7DC5

Le isole Tremiti  sono un piccolo arcipelago situate al largo della Puglia sulla costa adriatica, distano  circa 22 km. Sono  raggiungibili in aliscafo dal porto di Termoli oppure con traghetti di linea dalle principali località turistiche situate sul Gargano.

L’arcipelago  è formato da cinque isole: San Nicola , San Dimino, Cretaccio , Caprara e Pianosa.

Durante la nostra ultima vacanza in Puglia non abbiamo perso occasione di visitarle, un paio di giorni prima abbiamo prenotato, attraverso il residence che ci ospitava,  i biglietti che poi abbiamo ritirato al porto di Peschici. La traversata è durata all’incirca un’ora e mezza ed il mare fortunatamente era calmo e piatto.

28DA67B0-DE76-4261-895B-75F6EDA636C3

Si sbarca sull’isola principale , San Nicola. È molto bella da visitare, si cammina un po’ in salita raggiungendo a piedi la chiesa di Santa Maria costruita nel 1045 d.C. sita in cima sul promontorio.
Dopo aver visitato Il borgo d la chiesa siamo rientrati al porto e abbiamo raggiunto con un’imbarcazione adiacente l’isola di San domino da cui è possibile effettuare escursioni con gommoni o piccole imbarcazioni alle varie spiagge.

Sfortunatamente era una giornata leggermente ventosa e per una questione di sicurezza ci è stato sconsigliato di effettuare l’escursione  con i bambini in quanto avrebbero dovuto portarci su parte dell’isola con scogli piatti dove i più piccoli avrebbero dovuto essere guardati a vista per evitare imprevisti bagnerò in mare. Abbiamo perciò scelto di rimanere nella spiaggia limitrofa al porto affittando ombrellone e due lettini; purtroppo la spiaggia era affollata ma il mare veramente splendido, sembrava uno specchio talmente l’acqua era limpida.
Ci sono diversi bar ma noi eravamo pronti con il pranzo al sacco e qualche bottiglia d’acqua.
La vita sull’isola è molto cara e ci siamo organizzati anche perché i programmi erano diversi 😊
Trascorriamo la giornata in spiaggia calcolando l’orario per raggiungere per tempo isola di San Nicola dove bisogna imbarcarsi per rientrare a Peschici.

0E81FD1B-EA98-4F6D-A144-0ADA171F7E04
Consiglio a tutti una visita di questo bellissimo arcipelago non a caso chiamato le perle dell’adriatico. Per chi ne ha la possibilità meglio soggiornare almeno una notte sull’isola per godersela senza le frotte di turisti giornalieri. Consiglio anche di scegliere un periodo diverso da luglio ed agosto.

Visitare il Gargano

Negli ultimi anni la Puglia è stata in vetta alle classifiche come meta turistica tra il top e le eccellenze italiane. Questa è stata la meta delle nostre ferie sia nel 2012 che nel 2016 e in entrambi i casi abbiamo scelto il Gargano. Vi racconto di questa zona e di ciò che da lì abbiamo visitato. Il primo anno abbiamo fatto base a cala Molinella vicino Vieste mentre il secondo anno abbiamo scelto Peschici nella baia di Manaccora in un grazioso residence che ricordo sempre con piacere per l’eccellente ospitalità ed i servizi offerti. Da entrambe le destinazioni si possono facilmente vistare questi luoghi o trascorrere giornate alternative per una vacanza itinerante.

1B9895D0-8556-4014-8F97-AB3F8029E672

Foresta umbra: È un’area naturale protetta posta all’interno del Parco nazionale del Gargano e ad un’altitudine di circa 800 m sul livello del mare, il suo nome, umbra, deriva dal fatto che le alte piante generano  molta ombra ed il luogo  rimane buio.Ottimo posto per avere un po’ di ristoro dal caldo marino. Molto bello anche per i bambini; è presente un’area con i cerbiatti e anche alcuni giochi in legno.

900BD5A4-09D9-47AB-9D11-173149942EC4

Santuario di Padre Pio: Situato a San Giovanni Rotondo il santuario è dedicato a padre Pio di Pietralcina, è stato inaugurato nel 2004 ed è in stile moderno. La chiesa ha una capienza di 7000 persone.È molto bello ed interessante da visitare nell’ intero complesso oltre che per un pellegrinaggio.

3DDCDF53-6777-4F30-8225-3D343F18778C

Una giornata in masseria: La masseria è un tipico edificio che si trova nel sud Italia ed in Puglia, situato generalmente nell’entroterra è un ambiente rustico e rurale circondato da ampi spazi verdi e natura incontaminata, piantagioni ed a volte anche animali. Noi abbiamo provato l’esperienza di pranzarvi e di fare una visita guidata. L’esperienza per noi era stata ancora più bella  poichè avevamo condiviso questa gita con una famiglia tedesca conosciuta in quanto confinante con il nostro alloggio.

EA7C1536-B405-4EE2-AE76-07CD53EB131E

Escursioni in barca sul litorale: dal litorale  partono diverse escursioni e gite giornaliere in barca che portano a visitare grotte ed effettuano soste in mare per il bagno. Direttamente dal mare si possono osservare i trabucchi, vecchie capanne a picco sul mare  dove i pescatori si mettono al lavoro.

Isole Tremiti: Sono raggiungibili sia da Peschici che dai paese limitrofi con un servizio di linea. Approfondirò in un post a parte.

F160E30F-C428-4FF2-991E-49D2F26EB87E

Borghi: sia Peschici che Vieste li abbiamo trovati molto caratteristici soprattutto nel loro centro storico  arroccato,  case, botteghe e ristoranti, il tutto di colore bianco .

 

Alberobello ed i suoi trulli

Alberobello

 

Per la seconda volta a distanza di quattro anni e precisamente nel luglio 2016 siamo tornati in vacanza in Puglia. Dei nostri amici ci hanno convinto a partire con loro, all’inizio ero un po’ titubante perché non amo tornare nei posti già visitati visto che il mondo è così grande da scoprire ma pensandoci un po’ abbiamo deciso di cogliere l’occasione per visitare i trulli ad Alberobello e spostarci in Basilicata per visitare Matera. La nostra base è stato il residence Olimpia a Peschici  sul Gargano , di cui vi parlerò meglio in un altro post, da dove poi siamo partiti per due giorni per la visita di queste città. La Puglia  ci ha accolto con un clima pessimo, insieme a noi è arrivata una perturbazione che ha portato mare in burrasca e tempo freddo così abbiamo deciso di anticipare questo weekend all’interno della nostra vacanza e partire il giorno dopo per le nostre visite; inizialmente avevamo pensato di spezzare le due settimane di mare. Per chi se lo chiedesse il tempo poi è migliorato,

Alle 7:30 ci avevano già recapitato brioche e il pane fresco ordinato la sera prima così ci siamo subito messi in macchina in direzione Alberobello. Portiamo con noi un piccolo trolley e  caricato in auto i bimbi che ancora dormivano e ci siamo fermati poco prima di arrivare in un bar per un caffè così li ho vestiti e preparati😂 . Giunti  in città parcheggiamo vicino ad acqua&sapone trovando senza problemi un parcheggio gratuito. Zaino con l’attrezzatura fotografica e bimbi pronti abbiamo cominciato ad esplorare la città.

 

 

I trulli hanno catturato subito il nostro fascino insieme alle case in calce bianca.
Cartina alla mano cominciamo a percorrere i vicoli in salita, i fiori che adornano le case sono splendidi e la vista d’insieme è davvero unica e spettacolare. Siamo in pantaloncini ma con una felpa per un po’ di vento che rende, forse , anche più piacevole passeggiare tra i vicoli piuttosto che camminare in salita sotto il sole cocente.

I trulli sono delle costruzioni circolari con tetto a forma conica in pietra caratteristici  della Val d’Itria e nella zona compresa tra Bari,Brindisi e Taranto. Sono uno dei 53 siti Unesco riconosciuti in Italia. I trulli sono a pianta singola ad eccezione del trullo sovrano a due piani che  ospita un museo. Troviamo poi il trullo Siamese che sono  due trulli uniti insieme. Spesso sul tetto conico in pietra grigia sono raffigurati dei simboli bianchi: alcuni hanno fondamenti magici altri sono di origine primitiva ed altri di origine cristiana.

 


Terminata la visita si trulli rimaniamo nella parte alta della città e troviamo un bellissimo parco giochi dove far correre e giocare un po’ i bimbi prima di ritornare alla nostra auto. Mi diverto un sacco a scattargli foto in lontananza con il teleobiettivo in modo che non siano in posa. Torniamo in piazza e ci fermiamo per un gelato prima di ripartire in direzione di Matera.

Per chi si ferma la notte segnalo la possibilità di dormire in un trullo. Ci sono diverse agenzie e anche privati che danno in locazione l’edificio per  soggiorni anche di una sola notte.

Per mangiare c’è l’imbarazzo della scelta. Segnalo come prodotto tipico che trovo delizioso, i taralli , ottimi da  sgranocchiare. Li propongo in vendita vari negozi ed anche bancarelle sfusi.