ZOO di Chiang Mai

C13B5062-44E4-4F83-9EA2-B3A854164A88.jpeg

La nostra visita allo zoo di Chiang Mai risale ad agosto 2009 ed era stata un’occasione durante il viaggio per vedere i panda. Dal punto di vista organizzativo non conosco la situazione attuale dello zoo di Chiang Mai ma vi racconto la nostra esperienza.

Raggiungiamo con un tuk tuk la biglietteria dello zoo, ci sono diversi tipi di biglietti: quello base o quello che comprende anche l’acquario, il ticket per vedere i panda si faceva all’interno.

Le informazioni aggiornate le potete trovare sul sito ufficiale  dello zoo di Chiang Mai con prezzi ed orari, ora sono cambiate le tipologie di biglietto.

Noi optiamo per il biglietto base, ci interessa vedere solo i panda e speriamo di fare l’incontro con il nuovo nato a fine maggio 2009 che abbiamo visto anche al telegiornale poco prima di partire.

5710e9fe-eae0-4590-91d8-1cd650e454b7.jpeg

Per visitare lo zoo  di Chiang Mai si può prendere un comodo pulmino aperto o una monorotaia che ti fa scendere in diversi punti, noi optiamo per la seconda, in questo moto possiamo osservare anche lo zoo dall’alto. Vedremo giraffe e zebre e tanti altri animali. All’entrata si trovano subito i fenicotteri rosa.

Cominciamo con l’entrare in un giardino recintato dove sono presenti diverse specie di uccelli e volatili, la vegetazione è talmente fitta che per osservarli bisogna armarsi di pazienza e sostare in un punto con la speranza di vederli volare. Stanchi di aspettare dopo non aver visto nulla a parte qualche pavone proseguiamo a piedi sotto il sole caldo fino a raggiungere la zona dei felini passando per la voliera delle cicogne.

In una grossa gabbia si trova la tigre a cui si può, per pochi bath, dar da mangiare pezzi di carne facendoli passare tra le sbarre con l’aiuto di un bastone. Altre gabbie sono vuote, forse in manutenzione. Proseguiamo la nostra passeggiata fino a raggiungere la biglietteria dove possiamo fare il ticket per vedere i panda. La signorina davvero gentile ci dice che ora stanno dormendo e che è meglio tornare verso l’una visto che a quell’ora mangeranno. Aspettiamo. Adiacente ai panda, che si trovano in una costruzione coperta, c’è lo snow village,  un villaggio dove prima di entrare ti fanno vestire con tute da sci  e c’è la neve artificiale.. ideato per scattare delle carinissime foto ricordo; di preciso non so cosa ci sia all’interno perché non era di nostro interesse visitarlo.. in un paese dove non c’è la neve penso sia una cosa simpatica per i ragazzini, c’erano  infatti diverse scolaresche di bambini con la loro divisa, camicetta bianca e gonna o pantalone il cui colore cambiava a  seconda della classe scolastica di appartenenza. Tutti molto educati e sorridenti.

Le ragazzine più grandi si sono fermate a fare due chiacchiere con noi conversando con poche frasi in inglese, è stata un’esperienza interessante.

Di fronte alla struttura dei panda si trova invece l’area dedicata alla tigre bianca, l’avvistiamo immobile in lontananza.. ci viene il dubbio sia una ricostruzione in quando il grande recinto non è particolarmente protetto ma la tigre è sveglia e si muove..  pensiamo sia abituata a non avvicinarsi ed in effetti sta sempre piuttosto in fondo.

12B488D9-EEC6-46F7-A823-5EDAC265EA76.jpeg

Finalmente facciamo i biglietti ed entriamo nel padiglione, vediamo i panda dormire attraverso degli schermi al plasma, gli portano da mangiare ed in un attimo il maschio, Chuang Chuang, in prestito dalla Cina dal 2003, si sveglia. Scende tutto goffo e comincia a mangiare e strappare pezzi di bamboo, è molto simpatico e fa davvero tenerezza. Scattiamo moltissime foto. Il panda non viene disturbato in quanto  c’è un vetro, noi vediamo lui ma non il contrario. Il piccolo non l’abbiamo visto, probabilmente aspettano che cresca un po’, ora ha solo tre mesi di vita. All’uscita ci fermiamo allo shop e compriamo il pupazzo del nuovo nato che si chiama  Lin Bing.  Ora grande amico dei miei figli .

Riprendiamo la monorotaia e raggiungiamo l’uscita quando ormai è pomeriggio. Per rientrare in albergo prendiamo un collettivo rosso ma siamo gli unici passeggeri; ce ne sono molti parcheggiati fuori dallo zoo che aspettano i turisti. Anche qui il prezzo va contrattato.

L’opinione degli zoo è personale è soggettiva, nonostante preferisca osservare gli animali nei loro habitat ed in libertà mi sono comunque recata qui per vedere i panda.  Per i bambini la scoperta degli animali è sempre molto interessante. Non sempre, per diverse ragioni, è possibile incontrarli nel proprio ambiente.

 


10 thoughts on “ZOO di Chiang Mai

  1. Ale Carini Rispondi

    Bella la doppia opzione di poter prendere il pulman o la monorataia per ammirare il parco. Se fossi stata li avrei fatto sicuramente come voi e avrei scelto la seconda opzione per poter vedere tutto dall’alto e da una prospettiva diversa ed interessante. Uno zoo a cielo parto che ho visitato e che mi ha affascinato tanto è stato a Stoccolma, Skansen! Però non ho ancora avuto la fortuna di vedere un Panda 🙂

  2. Cassandra - Viaggiando A Testa Alta Rispondi

    Sono d’accordo con te sull’opinione degli zoo. A me piacciono, ma per etica scelgo sempre quelli che hanno un’occhio di riguardo per gli animali, in particolare quelli che si occupano della conservazione delle specie. I panda sono davvero carini!

  3. Giovy Malfiori Rispondi

    Anch’io, come te, credo che sia meglio vedere gli animali nel loro habitat o magari in un bioparco dove l’ampiezza degli ambienti in cui vivono non li sacrifica troppo. Quello che è certo, però, è che vorrei tanto vedere quel panda.

  4. Alessandra Rispondi

    Che tenero il panda! A me piacciono molto gli zoo.. quando visito una città di solito mi informo sempre x sapere se ci sia nelle vicinanze anche uno zoo. Preferisco però quei parchi dove gli animali hanno molto spazio e sono già nati in cattività. Certo, sarebbe meglio poterli vedere in mezzo alla natura…

  5. sylviezainoinspalla Rispondi

    Ammetto che la curiosità sia grande ma per scelta ho sempre evitato di andare allo zoo, non ho idea nemmeno di come siano fatti, ma prima o poi probabilmente dovrò fare questo passo perché non si può avere veramente un’opinione di qualcosa se non la si conosce veramente. Come te credo che comunque sia meglio vedere gli animali nel proprio habitat, quando è possibile.

  6. Simona - Oltre le parole Rispondi

    Anche io preferisco normalmente vedere gli animali nel loro habitat naturale. Quando ci sono i bambini però capisco anche che a volte l’unico modo per fargli vedere dal vivo alcune specie di animali sia proprio lo zoo. I panda mi hanno sempre incuriosito molto, li ho sempre considerati animali simpatici e affettuosi ma ahimè dal vivo non ne ho ancora visti!

  7. Giordana Querceto Rispondi

    Un panda cosí me lo strapazzerei di coccole tutto il tempo!

  8. Valeria (@chiusiperferie) Rispondi

    Io ho visto i panda nello zoo di Pechino, ed è stato molto emozionante. Di solito si vedono animali un po’tristi negli zoo, ma ora sta crescendo il livello di coscienza e di attenzione a ricreare habitat e condizioni di vita confortevoli, e quando come a Chang Mai nasce un piccolo di una specie rara siamo sulla buona strada.

  9. claudia Rispondi

    Ho sempre amato questo genere di parchi avere il modo di vedere certi animali da vicino è veramente bello. Negli ultimi anni invece li sto evitando, molto spesso gli animali non sono tenuti bene ed è una grande sofferenza vederli così

  10. Marina Rispondi

    Noi in Thailandia abbiamo visitato lo zoo di Bangkok perché eravamo in viaggio con irene ma la nostra prima volta da sposini non abbiamo avuto modo di visitare questo di chia grazie mai!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.