ITALIA LOMBARDIA VIAGGI

Adotta un melo in Valcamonica: fioritura e scelta della pianta

I meli sono fioriti!  Lo scorso week end siamo partiti subito per andare a scegliere il nostro albero.

Dell’iniziativa adotta un melo vi avevo parlato ampiamente qui quando ho scoperto che questa proposta si svolge anche in Lombardia, più precisamente in Valle Camonica a Darfo Boario Terme.

Ecco la prima fase dell’esperienza adotta un melo

La fioritura

Circa un paio di settimane prima Beatrice, la titolare del b&b La Teira, ci ha avvisato che avremmo potuto programmare il nostro week end, i meli erano in procinto di fiorire!

Il periodo era stato grossomodo definito ma la fioritura è una meraviglia della natura e in quanto tale varia in base a temperature e condizioni meteo. Il signor Franco, papà di Beatrice,  che gestisce direttamente i tre poderi ha sapientemente previsto il tutto con precisione.

La scelta del nome

Dopo aver scelto il nome da dare al nostro albero regnava l’impazienza  tra i bambini! C’è stata un’iniziale difficoltà nel trovare il nome più adatto, che non fosse maschile ma neppure femminile.. poi  ho proposto ai bimbi di unire i loro nomi, dopo svariate prove e combinazioni abbiamo scelto “ALGI” un mix tra le loro iniziali.

Certi del nome lo abbiamo comunicato qualche giorno prima a Beatrice per la preparazione della targhetta. Se il primo pensiero può andare ad un foglietto plastificato da attaccare con una fascetta la realtà è stata un’ altra 😍.. una splendida etichetta in ceramica dipinta a mano da appendere con un cordino di spago. Davvero magnifica! Mi ha lasciato proprio senza parole!

La visita ai meleti

I meleti di proprietà della famiglia Capitanio sono tre, due sono tra loro adiacenti e  a poca distanza dal parco di Luine, sito archeologico Unesco per le incisioni rupestri e l’altro poco sopra il paese. Tutti e tre sono raggiungibili con una passeggiata dal b&b La Teira.

I primi due hanno riscosso particolare consenso tra i bambini, hanno trovato degli  asinelli ed un cavallo nel campo confinante e dato loro da mangiare.

Siamo rimasti senza parole osservando i filari,  udendo il ronzio delle api, sentendo il profumo dei fiori.

Franco ci ha raccontato delle sue mele, come vi avevo anticipato utilizzano solo i trattamenti chimici strettamente necessari, l’ultimo dei quali viene fatto almeno 2 mesi prima della maturazione, in modo da dare al frutto il tempo di smaltirlo prima di essere raccolto. Vengono poi utilizzati metodi alternativi come:

– la “lotta integrata” che prevede l’utilizzo degli insetti utili (come crisope e coccinelle) per eliminare quelli dannosi

– la “confusione sessuale” tramite il rilascio di ormoni che confonde il parassita maschio che non feconda le uova della femmina

– concimazione naturale con letame

– dirado manuale, fatto nei mesi di giugno/luglio per eliminare in un gruppo di 5-6 mele quelle piccole o danneggiate ed avere una resa di maggior qualità

– pulizia di prato e terreno sottostante in modo meccanico (con trinciaerba e decespugliatore) senza l’uso di diserbanti.

Tutti questi sono aspetti da tenere in considerazione quando si sceglie un frutto piuttosto che un altro.

Il soggiorno al B&B

Dopo aver terminato la visita ai meleti siamo tornati al b&b La Teira per il check in, le stanze sono diverse per colore e a noi è stata assegnata la camera arancione che ospita comodamente quattro persone, Gianluca aveva un bellissimo lettino  a disposizione, alice un letto singolo e per noi un matrimoniale. I materassi sono davvero comodi così come i cuscini in memory foam.

L’attenzione ai particolari è evidente, gli ambienti sono tutti moderni e raffinati con un occhio al dettaglio. Il bagno grande e comodo con il box doccia.

Le ceramiche presenti sotto forma di soprammobili ma anche come lampade e abat jour sono molto fini e a tema con il colore, la teiere che avevamo sulla scrivania era splendida 🙂

Colazione con cucina

è una formula un po’ particolare ma che mi è piaciuta un sacco, la sala colazione è sapientemente apparecchiata , si trovano sul tavolo biscotti, brioche, confetture..

Non mancano i prodotti di produzione della famiglia come la confettura di mele, il succo e poi c’era una torta di mele, ecco io l’adoro!

La particolarità rimane la cucina, accessibile agli ospiti che si possono preparare direttamente tea, caffè, latte, prendere uno yogurt.. fare come a casa propria! La cucina è disponibile anche per prepararsi un tea nel pomeriggio o un infuso la sera. Io che adoro i tea ho scelto per la sera un’infuso a base di camomilla e per colazione un tea al gelsomino.

E’ un’idea molto bella ed originale!

Ed ora?

Attendiamo da casa che i fiori lascino posto ai frutti per tornare a fine estate, inizio autunno, a raccogliere le mele di Algi 🙂

La scelta della varietà di mele è stata nostra, ne coltivano 12 diversi tipi e noi abbiamo optato per una varietà locale, la Pinova! Beatrice quando ci ha salutato ci ha detto che ci aggiornerà presto mandandoci qualche foto del nostro melo in adozione!

Dire che siamo entusiasti è poco!

 

3 thoughts on “Adotta un melo in Valcamonica: fioritura e scelta della pianta

  1. E’ un po’ che cerco delle iniziative di questo tipo nella mia zona e non le sto trovando. La Valle Camonica non è distante da dove abito io. Ci farò sicuramente un giro. E “adottare” un melo è un’idea che mi piace davvero molto. Grazie

  2. Che iniziativa meravigliosa quella di poter adottare un melo! E che posticino d’incanto! Bello bello, ed estremamente interessante, credo proprio che ci farò un pensierino 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: